The Stephen Spender Prize

Over lockdown, Dr Parolin introduced me to the Stephen Spender Trust’s competition for poetry in translation. I couldn’t wait to get started, as it brought together two of my favourite things: poems and foreign languages. This year, the competition had more than 1300 entries. I submitted 3 poems translated from Italian, Latin and Polish. The Trust had a separate category called the Polish Spotlight; the spotlight is a strand of the competition for the UK’s community languages. Next year, for example, they are holding an Urdu Spotlight! I was extremely happy to find out that I had been commended in the U18 Polish Spotlight for my translation of Adam Zagajewski’s ‘I dlatego’! As a result, I was given the opportunity to attend a brilliant poetry workshop, with award winning poet Kate Clanchy. I also got be a part of an online awards’ evening on the 18th November. It was such a great experience, and I would urge anyone with an interest in MFL to enter next year.

I dlatego – Adam ZagajewskiAnd that’s why – translation by Skye Slatcher
I dlatego chodziłem korytarzami
Tych wielkich muzeów
Patrząc na obrazy świata
Na których Dawid jest niewinny jak harcerz
Goliat zasługuje na nikczemną śmierć
A na płótnach Rembrandta panuje wieczny
półmrok
Półmrok niepokoju i skupienia
I przechodziłem od sali do sali
Podziwiając portrety cynicznych
kardynałów
W rzymskiej purpurze
Ekstatyczne chłopskie wesela
Namiętnych graczy w karty albo w kości
Oglądając żaglowce bitwy i chwile
pojednania
I dlatego chodziłem korytarzami
Tych sławnych muzeów tych nieziemskich
pałaców
Próbując zrozumieć ofiarę Izaaka
Smutek Marii i pogodne niebo nad
Sekwaną
I zawsze wracałem na wielkomiejską
ulicę
Gdzie wciąż trwały szaleństwo cierpienie i
śmiech −
Jeszcze nie namalowane.

And that’s why I walked the corridors
Of these big museums
Looking at paintings of the world
On which David is as innocent as a boy scout
And Goliath deserves fate worse than death
Or on Rembrandt’s canvases an eternal dusk reigns
A dusk of anxiety and focus
And I walked hall to hall
Admiring the portraits of cynical
cardinals
In Roman purple
Joyous peasant weddings
Passionate players of cards or dice
Looking at sailing battles and moments of reconciliation
And that’s why I walked the corridors
Of these famous museums of these unearthly palaces
Trying to understand Isaac’s sacrifice
Mary’s sorrow and the serene skies over the Seine
And I always returned to the metropolitan streets
Where the chaos suffering and laughter continued –
Not yet painted.
 

Commentary:

In these peculiar times of isolation and social-distancing, one form of entertainment I have found particularly comforting is a virtual museum or art gallery tour. So, when I was browsing the curated selection of poetry for the Polish Spotlight, and came across ‘I dlatego’ by Adam Zagajewski, I knew I had to choose it. It reflects on the beauty of paintings, concluding with a memorable statement about our lives, ‘not yet painted’.

One challenge I faced, while translating, was retaining the tone that Zagajewski introduces. The poem has a sort of reminiscent, contemplative mood; keeping this was very important. Therefore, I tried to stay as close as possible to the exact imagery in the original, as this plays a key part in setting the atmosphere. 

I found that ‘panuje’ was a difficult word to translate, on line 6. ‘Panuje’ can mean ‘there is’, however I didn’t think that this was the best translation – I wanted to ensure the line was as poetic in English as in Polish. I chose to use the verb ‘reigns’ instead, as this maintains prominence of the dusk in the Rembrandt painting. 

Often, we see Zagajewski using alliteration, for example /p/ on line 6. I decided that I would not keep this in my version, because I couldn’t find the appropriate words to fit both the tone of the poem and the repetition of a letter. 

I think that the poem in its entirety poses a challenge to the translator as well as the reader. Zagajewski leaves the reason for the speaker’s journey through the museum to the imagination. He/she could be looking for inspiration, an escape from reality. To me, however, it speaks of searching for something in a painting that he is missing in his own life, a sense of peace and tranquillity.

Auschwitz – Salvatore QuasimodoAuschwitz – translation by Skye Slatcher
Laggiù, ad Auschwitz, lontano dalla Vistola,
amore, lungo la pianura nordica,
in un campo di morte: fredda, funebre,
la pioggia sulla ruggine dei pali
e i grovigli di ferro dei recinti:
e non albero o uccelli nell’aria grigia
o su dal nostro pensiero, ma inerzia
e dolore che la memoria lascia
al suo silenzio senza ironia o ira.
There, at Auschwitz, far from the Vistula,
My love, on the northern plain,
In a field of death: frore, funereal,
The rain on the rusted posts
And the tangled iron of the fences:
And not a tree, not a bird in the grey air,
Or above our thoughts, but passivity
And pain, which memory abandons
To its silence, without irony, without anger.
Tu non vuoi elegie, idilli: solo
ragioni della nostra sorte, qui,
tu, tenera ai contrasti della mente,
incerta a una presenza
chiara della vita. E la vita è qui,
in ogni no che pare una certezza:
qui udremo piangere l’angelo il mostro
le nostre ore future
battere l’al di là, che è qui, in eterno
e in movimento, non in un’immagine
di sogni, di possibile pietà.
E qui le metamorfosi, qui i miti.
Senza nome di simboli o d’un dio,
sono cronaca, luoghi della terra,
sono Auschwitz, amore. Come subito
si mutò in fumo d’ombra
il caro corpo d’Alfeo e d’Aretusa!
You do not want elegies, nor idylls: only
A reason for our fate, here,
You, sensitive to the conflicts of the mind,
Unsure of a clear presence
Of life. And life is here,
In every ‘no’ that appears a certainty:
Here, we can hear the crying of an angel, the monster,
The hours of our future
Beating at the beyond, which is here, in the eternity,
And in motion, not in a vision
Of dreams of possible pity.
And here are the metamorphoses, here are the myths.
Without the names of symbols or gods,
These are chronicles, places on earth,
These are Auschwitz, my love. Just as suddenly
The dear bodies of Alpheus and Arethusa
Were changed into the smoke of shades!
Da quell’inferno aperto da una scritta
bianca: ” Il lavoro vi renderà liberi ”
uscì continuo il fumo
di migliaia di donne spinte fuori
all’alba dai canili contro il muro
del tiro a segno o soffocate urlando
misericordia all’acqua con la bocca
di scheletro sotto le doccie a gas.
Le troverai tu, soldato, nella tua
storia in forme di fiumi, d’animali,
o sei tu pure cenere d’Auschwitz,
medaglia di silenzio?
From that hell, opened by a white
Inscription: ‘Arbeit macht frei’
The continuous smoke spewed out,
That of thousands of women pushed out
At dawn from the kennels, into the wall
Of execution, or suffocated, screaming
For mercy in the water with mouths
Like skeletons under the showers of gas.
You will discover them, soldier, in your
History, in the shape of rivers, creatures,
Or are you, too, ashes of Auschwitz,
Medal of silence?
Restano lunghe trecce chiuse in urne
di vetro ancora strette da amuleti
e ombre infinite di piccole scarpe
e di sciarpe d’ebrei: sono reliquie
d’un tempo di saggezza, di sapienza
dell’uomo che si fa misura d’armi,
sono i miti, le nostre metamorfosi.
Long tresses rest enclosed in urns
Of glass, still bound by amulets,
And the endless shadows of little shoes,
And Jewish shawls; they are relics
Of a time of wisdom, of knowledge
Of a man measured by arms
They are the myths, they are our metamorphoses.
Sulle distese dove amore e pianto
marcirono e pietà, sotto la pioggia,
laggiù, batteva un no dentro di noi,
un no alla morte, morta ad Auschwitz,
per non ripetere, da quella buca
di cenere, la morte.
On the expanses, where love and tears
And pity rot in the rain,
There, a ‘No’ pounding within us,
A ‘No’ to death, dead at Auschwitz,
Not to repeat, from that pit
Of ashes, death.

Commentary:

Auschwitz by Quasimodo tells the reader of the horrors of the Holocaust. I decided to translate this poem, because, having visited Auschwitz myself, it was one I felt the most connection to. While I cannot imagine the terrible things he went through, I walked the same path as he would have, and I saw the same watchtowers and ‘tangled iron of the fences’. The poem is filled with metaphors, for example Alpheus and Arethusa, which is a reference to classical mythology, not surprising considering Quasimodo’s background in Latin and Greek translation, and creates an extremely moving atmosphere.

During the process of translation, I did face some challenges, for example the translation of ‘un campo’. In Italian, this can be interpreted as both a field and a concentration camp. While in the context of Auschwitz, concentration camp may have been the most obvious choice, I chose field, because, in the Italian, Quasimodo creates the assonance of f (‘fredda, funebre’) and I wanted to keep this. It also continues the image of the ‘plain’. Similarly, I chose ‘frore’ rather than ‘cold’ for ‘fredda’, as it used the f and sounded more poetic.

Lines 25-26 were also a challenge, due to the difference of word order in Italian and English. I chose therefore to switch the lines to ensure that my translation didn’t sound like an originally English poem.

Another difficult decision I had to make was the translation of ‘muro del tiro a segno’, which is literally ‘wall of target practice’, though this is not poetic and ‘practice’ sounded like the Nazis could miss or let people live, and this was not the case. I chose ‘the wall of execution’, because, although I lose Quasimodo’s metaphor, it is brutally direct, which was my intention, and it doesn’t take away from the meaning.

Bella Ciao essay — Tash Tailby-Faulkes (B)

This is an article written by Natasha Tailby-Faulkes that she wrote for the ISMLA writing competition in June.

BELLA CIAO

Il 25 aprile, 2020 l’Italia ha celebrato il 75° anniversario della Liberazione ‘a porte chiuse’ a causa dell’emergenza sanitaria.

Il 25 aprile di 75 anni fa gli Italiani si sono riversati per le strade per incontrarsi e festeggiare insieme. Dopo mesi di occupazione tedesca e vent’anni di fascismo, il paese era finalmente libero. Le fotografie in bianco e nero mostrano volti sorridenti e gruppi di giovani a braccetto, dimostrando il senso di unità di quel giorno, che continua ancora dopo molti anni. Quest’anno, tuttavia, è stato diverso.

75 anni dopo la Liberazione dall’occupazione nazi-fascista, gli italiani hanno celebrato l’evento nella sicurezza delle loro abitazioni, durante l’emergenza sanitaria del coronavirus. Gli italiani hanno festeggiato questa data significativa confinati nelle loro case.Sembra che, dopo quasi un secolo, il paese soffra per le restrizioni fisiche oggi più che mai. Si potrebbe pensare che quest’anno l’Italia sia stata derubata dell’opportunità di unirsi per ricordare l’oppressione e di essere grata per la sua libertà? O, invece, i tempi strani della pandemia hanno mostrato la determinazione e l’unità dell’Italia oggi?

Diversamente dalle fotografie emblematiche del 1945, le immagini del 25 aprile 2020 hanno mostrato un’Italia dalle piazze deserte, ma dietro quegli scatti c’era sempre la stessa forza e determinazione degli italiani di non arrendersi. L’immagine potente del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, mascherato, da solo, mentre rendeva omaggio alla tomba del Milite Ignoto senza pubblico e con solo pochi giornalisti e fotografi è l’immagine della solidarietà che non solo ha reso omaggio ai soldati, ma che ha anche fotografato l’umore della nazione durante questo tempo. Tutti gli italiani hanno visto quest’immagine di Mattarella in questo giorno e ciò ha ricordato agli Italiani che se anche sono da soli, sono uniti nelle celebrazioni di questo giorno importantissimo. Il messaggio di Mattarella includeva le parole “l’Italia ha superato ostacoli che sembravano insormontabili” e sembra che il coronavirus sia un altro ostacolo che l’Italia supererà.

I cittadini italiani, sventolando il Tricolore dalle loro finestre, si sono sentiti uniti nella loro identità italiana, nonostante non fossero insieme fisicamente. In questo modo si vede come gli italiani, dopo tre quarti di secolo, continuano ad essere positivi durante i periodi difficili e come il senso forte dell’identità italiana rimarrà sempre.

Natasha Tailby-Faulkes has won the Sixth Form category for Italian in the 2020 Independent Schools’ Modern Languages Association Original Writing competition. Well done Tash!

In Citta Gireremo Cosi? — Katherine Savage, Miranda Robertson, Skye Slatcher

Here is a collaborative translation of an article about a prediction of what travel will look like in the future, from Italian to English.

In città gireremo così?»: la copertina della Domenica del Corriere del 1962 che anticipa la mobilità di oggi‘Will we go around the city like this one day?’: the cover of the Domenica del Corriere from 1962, which anticipated today’s travel
Le «Singolette» che si muovono nel traffico, illustrate da Walter Molino, appaiono «profetiche». In tempi di emergenza coronavirus ricordano l’importanza di ridisegnare gli spostamenti urbani, dalle nuove norme per i mezzi pubblici alle piste ciclabiliThe ‘Singlets’ that move in traffic, illustrated here by Walter Molino, seem almost ‘prophetic’. In the times of the Coronavirus emergency, they remind us of the importance of redesigning urban travel, from new rules for public transport to cycle paths.
Sono passati 58 anni, ma quell’immagine sembra scattata nel traffico delle grandi città di oggi. L’illustrazione «In città gireremo così?», firmata da Walter Molino e pubblicata sulla copertina de La Domenica del Corriere del 16 dicembre 1962, mostra alcune «singolette» mentre si muovono in città. Ma di cosa si tratta?58 years have passed, but that image seems to have been taken from today’s traffic in the big cities. The illustration, entitled ‘Will we go around the city like this one day?’, signed by Walter Molino and published on the cover of the Domenica del Corriere on the 16th December 1962, shows many ‘singlets’ moving through a city. But what is it about?
Piccole vetture che trasportano il passeggero in piedi, lo isolano dall’esterno e occupano poco spazio, andando incontro anche al problema della carenza di parcheggi. A qualcuno, forse, ricorderanno il Segway, il due ruote elettrico inventato da Dean Kamen nel 2001. All’epoca il disgeno di Molino voleva raccontare una «futuristica» soluzione al traffico delle grandi città, come chiarito anche nella didascalia: «Ecco come potrebbe essere alleggerito il traffico nelle città. Anziché le attuali e ingombranti vetture, delle minuscole auto monoposto che occupano una minima superficie e che potrebbero essere battezzate singolette».They are small carries carrying a standing passenger, isolating them from the outside world and taking up little space, also resolving the issue of a lack of parking spaces. Perhaps, some people may be reminded of the Segway, the electric two-wheeler, invented by Dean Kamen in 2001. At the time, Molino’s design was intended to capture a ‘futuristic’ solution to the traffic in larger cities, as he clarified in the caption: ‘Here is how traffic in cities could be eased. Instead of the current, bulky cars, they are tiny, single-seater cars that occupy a minimal surface area, which could be called ‘singlets’.
Una nuova mobilità
Vista oggi, in tempi segnati dall’emergenza sanitaria, quest’immagine torna a farci riflettere. Il lockdown imposto in tutto il mondo per fermare la diffusione del Covid-19 si è rivelato — infatti — positivo in termini di inquinamento atmosferico (qui lo studio), e ha portato molte amministrazioni a ridisegnare gli spostamenti urbani, dalle nuove norme per i mezzi pubblici alle piste ciclabili provvisorie (come nel caso di Milano), dalla programmazione delle corse (ripensando agli orari per evitare congestioni nelle ore di punta) al potenziamento della sharing mobility come alternativa sostenibile all’auto privata.
A new way of travelling
As seen today, in times marked by the current health emergency, this image calls us to reflect again. The global lockdown imposed to stop the spread of Covid-19 turned out to be positive in terms of atmospheric pollution and led many governments to redesign their urban travel, from new rules for public transport to provisional cycle paths (for example in the case of Milan), from the rescheduling of buses (rethinking the timetables to avoid congestion during rush hour) to the enhancement of shared travel, as a sustainable alternative to private cars.

Auschwitz — Skye Slatcher

Auschwitz è diventata nota a livello mondiale come un simbolo di morte, genocidio, odio e, soprattutto, per l’Olocausto. Il campo fu aperto dai nazisti nel 1940. Quando le prigioni naziste diventarono sovraffollate, i tedeschi, occupando la Polonia, decisero che i 20 edifici della caserma dell’esercito, nella città polacca di Oswiecim, potessero essere un nuovo campo. Inoltre, era vicino a una stazione ferroviaria.

Oggi, Auschwitz-Birkenau è unico, perché è il più grande e meglio conservato campo nel mondo. Non ci sono solo edifici, è molto più di questo. Sono le prove. L’atmosfera. I ricordi. Gli oggetti. Il senso della vita che hanno vissuto i prigionieri. Le persone reali che c’erano una volta. È davvero speciale. Evoca emozioni come nessun altro posto può.

‘Arbeit macht frei.’ Il lavoro ti renderà libero. Questa era la promessa che i prigionieri leggevano ogni giorno, sperando che fosse vera, sapendo che non lo era. La sera, i compagni di campo camminavano di nuovo verso il cancello, portando i corpi dei morti. Camminando sullo stesso terreno come loro, eravamo tutti silenziosi. Famiglie distrutte. Sogni infranti. Vite finite. Sulla destra c’è la piazza dell’orchestra. Per mantenere la gente in marcia, i nazisti radunavano i prigionieri che potevano suonare alcuni strumenti per far andare gli altri prigionieri a tempo.

Con alcuni edifici aperti al pubblico e trasformati in mostre, il blocco 4 è il primo del tour. “Chi non ricorda il passato è condannato a ripeterlo.” Questa citazione di George Santayana è appesa al muro. Una citazione quasi perfetta per un posto come Auschwitz. 1,3 milioni di persone sono state inviate in quel campo. 900.000 persone sono state uccise appena arrivate. 1,1 milioni erano ebrei. Hans Frank, Governatore generale della Polonia occupata, disse: “Gli ebrei sono una razza che deve essere totalmente sterminata.” Oltre agli ebrei sono stati uccisi 150.000 polacchi. 23.000 Rom. 15.000 prigionieri di guerra sovietici.

Questo blocco era pieno di documenti di registrazione originali. Voci di diario dei prigionieri. I documenti di Maksymilian Kolbe, che ora è un santo, perché lui è morto per salvare la vita di un altro uomo. Dietro il vetro, ho visto contenitori vuoti di Zyklon B (i pellet usati per uccidere le persone nelle camere a gas). Di sopra, c’erano due tonnellate di capelli. I nazisti tagliavano i capelli ai prigionieri, per fare la stoffa. Era scioccante.

Poi, ho imparato dei magazzini Kanada. Quando gli ebrei sono arrivati, i nazisti hanno preso tutte le loro cose. Dopo, alcuni dei prigioneri dovevano ordinare tutti gli oggetti e i tedeschi prendevano i bei vestiti, mentre il resto andava in una fabbrica per essere riutilizzato. I magazzini sono chiamati ‘Kanada’ perché pensavano che il Canada fosse un Paese di ricchezze. Tuttavia, questi beni non erano le uniche cose che i nazisti hanno preso.

Il Blocco 5 è dedicato all’evidenza dei crimini nazisti. La prima stanza ha tutti gli occhiali che gli ufficiali del SS hanno preso e che furono trovati quando il campo fu liberato. I nazisti hanno provato a distuggere ogni prova, così nessuno avrebbe saputo cosa facevano. La seconda stanza ha ‘Tallitots’ (scialli di preghiera ebraici); poi, le protesi. Qualcuno con una disabilità è stato ucciso immediatamente. Nella stanza ci sono stampelle, sedie a rotelle, braccia e gambe di legno. La terza stanza: pentole e padelle. Queste cose dimostrano che le persone pensavano di avere una vita migliore. Ci sono anche le valigie, e una con scritto ‘Waisenkind’ (orfano). Dopodiché, ci sono 40.000 paia di scarpe. Scarpe per bambini. Scarpette da danza classica. Stivali. Sandali. Tutto. Mi chiedevo come nessuno avesse potuto aiutarli? Come è stato permesso a Hitler di continuare a fare tutto questo per 5 anni?

Sono entrata nel corridoio del blocco successivo. I muri erano ricoperti di immagini di ogni compagno di campo conosciuto, con i nomi e numeri. La data di nascita, a volte sconosciuta, ma la data di morte era sempre documentata. Ricordo due foto molto chiaramente. Due ragazze, gemelle. I loro occhi sembravano quasi sorridere. Le loro bocche chiedevano aiuto. Non dimenticherò mai i loro volti.

Gli esperimenti medici erano comuni ad Auschwitz. Nel blocco dieci, si svolgevano esperimenti e prove. Non è aperto al pubblico, ma si trova vicino al “muro della morte”. Mengele e Clauberg hanno lavorato alla sterilizzazione. Molte delle donne ebree sono morte qui o furono assassinate per testarne gli effetti sui loro organi. Test antidroga, effetti della fame e ricerca sui gemelli. Anche se i test non erano etici, costituiscono la base di molti dei nostri trattamenti moderni.

Blocco 11: la prigione. Sembra inutile avere una prigione in una prigione, ma i nazisti hanno imprigionato i compagni di campo che hanno tentato di scappare o simili. Nel seminterrato ci sono stanze che vietano certe cose, come la luce del sole o l’aria fresca. Santo Maksymilian Kolbe è stato imprigionato nella cella della fame e, dopo due settimane, è morto ma solo dopo un’iniezione di fenolo. Accanto a questo edificio c’è un cortile con il “muro della morte”, dove i prigionieri politici stavano in piedi, nudi e venivano fucilati. Gli altri compagni di campo non guardavano, ma sapevano quando sentivano i proiettili. 5000 persone sono morte così. Siamo rimasti tutti in silenzio, in segno di rispetto.

L’ultimo posto che ho visto nel campo principale era la camera a gas e il crematorio. Quello era l’ultimo posto che la maggior parte delle persone ha visto ad Auschwitz. Scuro. Così tranquillo. Ci sono piccole fessure in cima al muro, dove i nazisti hanno lanciato lo Zyklon b. Senza pietà. Persone innocenti. Era tutto ingiusto. Così tante persone felici sono morte come nient’altro che numeri. Una lacrima è scesa lungo la mia guancia. Un tempo diverso e avrei potuto essere io. Nei vestiti a righe. Lavorare per essere liberata. ‘Arbeit macht frei.’ Se i nazisti sono riusciti a nascondere le prove, non lo scriverei. Non lo posso immaginare.

Dopo un breve viaggio, sono arrivata a Birkenau. Questo era il più grande campo di concentramento nazista. Era la loro azione finale. Nell’estate del 1944, c’erano 90.000 prigionieri. È stato costruito per essere un campo di concentramento, mostrando la dedizione nazista. L’ingresso è enorme. I nazisti ne erano orgogliosi. I treni pieni di ebrei arrivavano spesso. Un medico esaminava ogni persona e decideva se doveva morire immediatamente. La rampa è stata la destinazione finale di migliaia di persone.

Le camere a gas ora sono in rovina, perché i nazisti le hanno fatte esplodere. Hanno gettato le ceneri in uno stagno vicino al crematorio II. Lo sterminio di massa degli ebrei ha cominciato ad Auschwitz nel 1942. All’inizio hanno sepolto i corpi in grandi tombe, poi, li hanno bruciati sulle pire. Nel 1943 hanno installato 4 grandi crematori e camere a gas. Tra il 1943 e il 1945, i nazisti hanno ucciso 500.000 persone a Birkenau. Un numero inimmaginabile. Persone reali. Spazzatura. Per i nazisti erano solo spazzatura. La parola tedesca per i forni è ‘Müllerbrennungsofen’ – letteralmente ‘inceneritore di rifiuti’.

Ora, un grande monumento è tra i due edifici della morte. Un bellissimo memoriale dedicato a tutti coloro sono morti qui. Di fronte ci sono targhe nelle principali lingue dei prigionieri.

A Birkenau, c’erano due tipi di caserme. Gli edifici in mattoni erano per 700 persone, con 180 “letti”. Ogni cuccetta era stata progettata per 4 persone, ma di solito 8 persone dormivano lì. Niente cuscini. Le coperte di paglia erano condivise. Gli edifici in legno erano per 400 persone. Senza finestre. I letti a tre livelli erano progettati per 15 persone, ma 22 persone dormivano lì normalmente. A causa delle terribili condizioni di vita, c’erano molti focolai delle malattie.

Auschwitz. Una mostra di alcuni degli eventi più terribili del mondo. Nessun libro o film può trasmettere la vera atmosfera lì. Il senso di unità in un luogo costruito per azioni razziste. Oggi dobbiamo guardare indietro e imparare dagli errori del passato. È un luogo indescrivibile e indimenticabile.

‘Niechaj na wieki będzie krzykiem rozpaczy i przestroga dla ludzkośći. To miejsce, w którym Hitlerowcy wymordowali około półtora miliona mężczyzn, kobiet i dzieci, głównie żydów z różnych krajów Europy.’

‘Forever let this place be a cry of despair and a warning to humanity, where the Nazis murdered about one and a half million men, women and children, mainly Jews from many countries of Europe.’

‘Grido di disperazione ed ammonimento all’umanità, sia per sempre questo luogo dove i nazisti uccisero circa un milione e mezzo di uomini, donne e bambini, principalmente ebrei, da vari Paesi d’Europa.’può

Auschwitz-Birkenau

1940-1945